Notizie campeggi

La Francia è il secondo paese al mondo per il campeggio

Tuttavia anche il campeggio affronta sfide reali legate all'ambiente: Olivier Sirost avverte che il 50% dei campeggi francesi rischia di scomparire entro mezzo secolo

Nel 2022, il campeggio si è rivelato un’attività estremamente popolare, con oltre 25 milioni di utenti che hanno scelto di trascorrere una permanenza più o meno lunga all’aria aperta, in famiglia o tra amici. Di particolare rilievo è il fatto che la Francia si è distinta come il secondo paese al mondo e il primo in Europa ad aver abbracciato questa forma di turismo all’aperto.

La Francia vanta più di 800.000 posti alloggio distribuiti su circa 7.500 campeggi nel 2023. Secondo Nicolas Dayot, presidente della Fédération Nationale d’Hôtellerie de Plein Air (FNHPA), esistono diverse categorie di campeggi, tra cui il “campeggio selvaggio”, il “campeggio dichiarato ma non sviluppato” e il “campeggio attrezzato”. Quest’ultima categoria è particolarmente apprezzata grazie alla varietà di alloggi offerti, tra cui case mobili, roulotte, chalet e camper, oltre a opzioni più originali. Questo sviluppo ha consentito di attrarre nuovi clienti, senza però trascurare quelli più fedeli.

La storia del campeggio risale addirittura al 1898, quando ha catturato rapidamente l’interesse del popolo francese, proponendosi come un’alternativa economica per le vacanze. Olivier Sirost, sociologo e scrittore, cita l’etnologo Arnold van Gennep, secondo il quale il campeggio, grazie al miglioramento delle comodità e all’utilizzo delle tecnologie, è passato dall’essere un habitat precario e restrittivo a un piacevole stile di vita in cui si può riconnettersi con la natura. Questa democratizzazione del campeggio ha contribuito a superare le barriere sociali e ha permesso a tutti di godere delle vacanze.

Tuttavia, negli anni ’90, i regolamenti sul campeggio sono diventati sempre più rigidi, portando alcuni appassionati, in particolare i puristi, a continuare la loro pratica in paesi confinanti con la Francia. Nonostante ciò, la Francia è diventata il principale destinazione di campeggio in Europa e il secondo nel mondo. Olivier Sirost sottolinea che circa un terzo dei campeggiatori sono stranieri, soprattutto europei. Al contrario, in altre parti d’Europa, come Spagna e Germania, il campeggio ha impiegato più tempo a svilupparsi o non ha mai raggiunto gli stessi livelli di popolarità.

Ma quale sarà il futuro del campeggio in Francia? Oggi, l’overtourism è diventato un tema di discussione, poiché il campeggio è diventato una forma di turismo di massa, consentendo a un gran numero di persone di viaggiare a prezzi convenienti e competitivi. Tuttavia, alcuni temono che questa crescita possa portare a un aumento costante dei prezzi dei servizi e al rischio di perdere l’essenza stessa del campeggio. Olivier Sirost osserva che si sta passando da un’atmosfera festosa a un’economia organizzata, con sempre più campeggi che cercano di ottenere stelle e offrire pacchetti sempre più completi.

Inoltre, il campeggio affronta sfide reali legate all’ambiente. Molti campeggi situati vicino al mare o alle foreste sono particolarmente esposti alle conseguenze del riscaldamento globale, come dimostrato dal tragico incendio che ha colpito il campeggio Les Flots Bleus nel 2022. Olivier Sirost avverte che il 50% di questi campeggi rischia di scomparire entro mezzo secolo, ma sono necessarie soluzioni adeguate per garantire la sostenibilità e l’attrattiva del turismo nei campeggi francesi. Nicolas Dayot aggiunge che sarà necessario ricostruire, riqualificare, rialzare o trasferire completamente o parzialmente alcuni campeggi per far fronte a queste sfide.

In conclusione, il campeggio ha vissuto un’evoluzione straordinaria nel corso del tempo, passando da un’attività di nicchia a un fenomeno di massa in Francia. Tuttavia, mentre continua a crescere, è necessario affrontare le sfide legate all’incremento del turismo di massa e alla tutela dell’ambiente. Trovare un equilibrio tra sviluppo e sostenibilità sarà cruciale per preservare il fascino del campeggio e consentire a futuri campeggiatori di godere appieno di questa esperienza unica a contatto con la natura.

© Riproduzione Riservata