Notizie campeggi

Arena Grand Kažela ancora più luxury: investiti 27,5 milioni di euro

Il campeggio croato rinnova le sue case mobili e le aree comuni per migliorare la sua offerta

Offrire i servizi di un albergo a cinque stelle sommati alla libertà di una struttura ricettiva all’aria aperta. È l’obiettivo di Arena Hospitality Group, il gruppo di Pola (Istria, Croazia) proprietario di otto campeggi per un totale di 15.000 posti letto, oltre a una quindicina di alberghi tra Croazia, Austria, Germania e Serbia. Come racconta il Sole 24 Ore, il gruppo ha investito 27,5 milioni di euro per trasformare quello che era già considerato il miglior campeggio della Croazia in un camping resort a 4 stelle, dando vita all’Arena Grand Kažela. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Crippaconcept e Studio 92 per il design e la realizzazione di mobile home di ultima generazione.

La riconversione riguarda un’area di 65 ettari a Medulin, in Istria, e ha visto la riprogettazione di diversi spazi ben organizzati, con grande importanza data alle aree comuni e ai servizi, oltre a quartieri dedicati alla ricettività in mobile home che si differenziano per posizione, tipologia e vegetazione. La prima fase di investimento per il rinnovamento della struttura ricettiva ha portato al posizionamento di 164 nuove lussuose mobile home, due piscine, un nuovo ingresso, una reception dei moderni bar a bordo piscina e varie altre strutture per l’intrattenimento.

Gli ospiti dell’Arena Grand Kažela possono scegliere tra tre tipologie di nuove mobile home, completamente attrezzate per una vacanza di lusso nella natura, chiamate “Camping Freedom Villa”, “Camping Home Green” e “Camping Home Next”. Tutte le case mobili sono circondate da un giardino di almeno 250 metri quadri, possono ospitare fino a cinque persone e sono dotate di camere da letto, tv lcd, una moderna cucina con tutti gli elettrodomestici necessari, due bagni con doccia, aria condizionata, posto auto e wifi veloce.

Per quanto riguarda le strutture comuni, il campeggio è stato rinnovato con una piscina centrale che comprende una vasca per bambini di 600 mq con scivolo, una terrazza solarium con lettini e ombrelloni, un nuovo bar, il miniclub e il club per ragazzi, un anfiteatro per spettacoli serali e programmi di animazione e un parco giochi. C’è inoltre una seconda piscina a sfioro nell’area delle nuove mobile home di lusso, anche questa con nuovo bar e terrazza con vista piscina. Inoltre, l’investimento prevede la ristrutturazione di tutti e cinque i servizi igienici per gli ospiti del camping e il restyling del ristorante.

Il cuore del rinnovamento strutturale è rappresentato da una nuova area deluxe che rappresenta un riposizionamento verso l’alto del livello di ospitalità in campeggio, grazie all’inclusione di 18 mobile home di 57 metri quadri firmate Crippaconcept, completamente accessoriate con accesso diretto alla spiaggia, wifi indipendente, servizio delivery per cibo e altre necessità degli ospiti. Ogni nucleo familiare ha a disposizione un’unità abitativa mobile con un’ampia cucina e living affacciata sul mare grazie alla grande vetrata, due camere da letto molto ampie con bagno en suite e angolo ufficio sia nelle stanze che nel living. Un luogo per un weekend di relax o di working holiday per periodi prolungati, oltre che per una vacanza esclusivamente leisure. L’elemento innovativo è costituito dal vasto spazio esterno, di circa 300 mq con giardino privato e piscina personale di 12x12mq, il tutto recintato, non accessibile da esterni e posizionato direttamente sulla spiaggia.

Ma la particolarità del piano, dichiara l’amministratore delegato di Crippaconcept Sergio Redaelli, «non risiede soltanto nella caratteristica delle mobile home, ma nel fatto che gli spazi siano considerati in modo diverso rispetto agli standard di oggi. Per quanto ci riguarda vogliamo proporre prodotti di lusso e sviluppare aree emozionali. Stimiamo che la crescita del glamping possa essere superiore al 10% annuo». Aggiunge Manuela Kraljević, marketing and sales director di Arena Hospitality Group: «In questo progetto siamo riusciti a trasferire il nostro know how alberghiero, digitalizzando tutta l’esperienza, dalla fase della prenotazione al check in, elevando il servizio, la gastronomia, l’offerta sportiva e con un grande team di animazione, elementi che avvicinano questo format a quello del resort alberghiero».

© Riproduzione Riservata