Notizie campeggi

E’ boom del campeggio in Sardegna: il commento del presidente Faita Federcamping Nicola Napolitano

Tuttavia, esiste ancora un aspetto critico che limita le possibilità di crescita del settore camping: è il costo dei trasporti marittimi

Il settore dei campeggi in Sardegna sta vivendo una crescita significativa rispetto al 2019, segnando un aumento costante dei turisti che scelgono questa forma di vacanza. Federcamping Sardegna, prevede di superare i numeri record della stagione 2019, indicando un rinnovato interesse per il campeggio e un cambiamento nelle preferenze dei campeggiatori.

Una tendenza evidente è proprio l’evoluzione delle preferenze dei turisti riguardo le strutture di alloggio. Se in passato le tende e i camper dominavano il panorama del campeggio, sempre più campeggiatori stanno optando per soluzioni come bungalow e strutture mobili. La ragione principale di questo cambiamento sembra essere la ricerca di maggiore comodità e benessere durante il soggiorno.

Secondo i dati Istat, la durata media di una vacanza in campeggio è di 6,3 notti, contro le 3,1 notti in hotel e le 4,4 notti in altre strutture alberghiere. Questo suggerisce che i campeggiatori stanno approfittando delle nuove offerte del settore, che si è dimostrato molto resiliente nonostante gli ostacoli causati dalla pandemia di Covid-19. Le strutture di campeggio hanno saputo adattarsi alle esigenze del mercato e offrire servizi sempre più strutturati.

Il presidente di Faita Federcamping Sardegna, Nicola Napolitano, evidenzia che il segreto di questa crescita è il binomio tra natura e benessere. La Sardegna offre paesaggi unici e una ricca offerta ambientale e gastronomica, che contribuisce a rendere ogni esperienza di campeggio davvero particolare. Oltre all’aspetto paesaggistico, la vicinanza alle località marine rende la regione particolarmente appetibile per i turisti in cerca di una vacanza all’aria aperta.

Tuttavia, esiste ancora un aspetto critico che limita le possibilità di crescita del settore: i trasporti. Le tariffe dei collegamenti marittimi da e per la Sardegna possono incidere notevolmente sui costi della vacanza, compromettendo la capacità di spesa delle famiglie medie. Nicola Napolitano sottolinea la necessità di affrontare questa sfida e richiede interventi che regolino gli aspetti che limitano la possibilità per i turisti di scegliere liberamente dove trascorrere le proprie vacanze.

Nonostante questo ostacolo, il campeggio in Sardegna sta vivendo una rinascita grazie alla capacità di offrire un’esperienza di vacanza unica. Con un mix vincente di paesaggi mozzafiato, strutture accoglienti e servizi di qualità, la Sardegna si conferma come meta di riferimento per gli amanti del campeggio e dell’esperienza all’aria aperta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA