Notizie campeggi

Fondo rotativo per il turismo: quali sono le spese e i progetti ammissibili per i campeggi italiani

Dal 1° luglio tornano operative le domande per fare richiesta ai contributi a fondo perduto e ai finanziamenti agevolati previsti dal PNRR, importanti opportunità per le strutture open air. Ma in sintesi, quali sono gli interventi finanziabili dal fondo?


A partire dal 1°sino al 31 luglio, sarà possibile inviare le richieste per accedere agli incentivi del “Fondo Rotativo per le Imprese Turistiche”. Per l’anno 2024, sono stati messi a disposizione 180 milioni di euro per i contributi a fondo perduto e 600 milioni di euro per i finanziamenti agevolati, volani per migliorare e potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale

Vediamo nel dettaglio quali sono le finalità del fondo, le spese e dei progetti ammissibili pubblicato dal Ministero del Turismo:  

  • riqualificazione energetica e antisismica delle strutture;
  • eliminazione delle barriere architettoniche;
  • lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia (questi lavori devono essere funzionali alla realizzazione degli interventi di riqualificazione energetica e antisismica e degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche);
  • digitalizzazione delle strutture (installazione di impianti wi-fi, realizzazione di siti web ottimizzati per il sistema mobile, acquisto di programmi e sistemi informatici, utilizzo di dispositivi per la vendita diretta di servizi e pernottamenti, acquisto di spazi e servizi pubblicitari finalizzati alla promozione, ecc.);
  • acquisto di mobili e componenti d’arredo;
  • per le strutture open air che possono beneficiare delle acque termali, realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali.

È inoltre opportuno ricordare che le spese complessive, al netto dell’IVA, devono essere non inferiori a 500 mila euro e non superiori a 10 milioni di Euro. I programmi di investimento devono essere avviati dopo la presentazione della domanda (entro tre mesi dalla stipula del contratto di finanziamento) e conclusi entro il 31 dicembre 2025.Per approfondire nel dettaglio le spese e dei progetti ammissibili, invitiamo a consultare il documento pubblicato dal Ministero del Turismo.

Per approfondire nel dettaglio le spese e dei progetti ammissibili, invitiamo a consultare il documento pubblicato dal Ministero del Turismo.

© Riproduzione Riservata