Notizie campeggi

Le prenotazioni in campeggio sono cresciute, e con ottimi dati, in Francia

Nonostante l'invito alla prudenza basato sull'andamento della scorsa stagione, i dati di dicembre 2023 attuali indicano un notevole aumento e fanno sperare bene per il 2024

Il panorama delle prenotazioni nei campeggi, alla fine di dicembre 2023, secondo il barometro mensile di Septeo Hospitality, offre uno sguardo incoraggiante sulla stagione turistica del 2024. Nonostante l’invito alla prudenza basato sull’andamento della scorsa stagione, i dati attuali indicano un notevole aumento. Esattamente del +22% nel volume di prenotazioni per il periodo ottobre-dicembre rispetto all’anno precedente. Questo trend positivo è rispecchiato anche nell’incremento del fatturato, che ha registrato un notevole +27%.

Aumentano le prenotazioni e il fatturato

Particolarmente significativo è l’analisi del mese di dicembre, che ha visto un impressionante +16% di prenotazioni rispetto al dicembre del 2022, accompagnato da un aumento del +18% nel fatturato. La clientela predominante, con il 56%, è rappresentata dai turisti francesi. Nel settore degli bungalow, il paniere medio ha raggiunto €1.384, segnando un incremento del 5,6%, mentre per le piazzole nude si registra un aumento del 3,4%, portando il paniere medio a €716. Allo stesso tempo, emerge un interessante contrasto nella durata media di permanenza. Nei bungalow, questa rimane stabile a 8,51 giorni, mentre nelle piazzole nude si osserva una diminuzione del 3,8%, con una media di 9,68 giorni.

Il boom è ancora in estate

Analizzando la distribuzione dei soggiorni nella stagione, si nota che i mesi di luglio e agosto mantengono un ruolo centrale, rappresentando la metà dei soggiorni totali. Tuttavia, vi sono cambiamenti nei volumi di prenotazioni per i mesi di marzo, aprile e maggio, influenzati da modifiche alle date dei ponti e delle festività del 2024. Attualmente, aprile e giugno registrano un calo rispetto al 2023, mentre maggio mostra un aumento significativo nei volumi di soggiorni per tutte le nazionalità. Anche settembre sembra progredire positivamente. Quando si analizza l’andamento per nazioni, occorre prestare attenzione ai dati sulla ritirata delle prenotazioni francesi alla fine di dicembre, contrapposte dall’avanzamento delle prenotazioni olandesi. È importante non trarre conclusioni affrettate, ma questi primi indicatori potrebbero suggerire dinamiche interessanti nell’andamento della stagione turistica del 2024.

© Riproduzione Riservata