Notizie campeggi

Camping & Outdoor Hospitality Report 2024, il report di Kampgrounds of America

KOA fa il punto sul turismo open air negli Stati Uniti e in Canada, un panorama in costante evoluzione che ha registrato un incremento del 68% negli ultimi dieci anni

Nell’America del nord, quella dei grandi parchi e delle terre selvagge, il campeggio e il turismo all’aria aperta sono dei must, ma i trend positivi non sono mai scontati. Negli ultimi dieci anni invece, il panorama dell’ospitalità open air americana ha subito trasformazioni significative e un aumento delle richieste. A confermarlo è il 2024 Camping & Outdoor Hospitality Report di Kampgrounds of America, una serie completa di rapporti che approfondiscono il settore del turismo all’aria aperta. 

L’analisi 

Il numero complessivo di famiglie statunitensi e canadesi che praticano il campeggio è aumentato del 23%, mentre le famiglie che praticano il campeggio attivo sono cresciute di un notevole 68%

Dal punto di vista demografico, i campeggiatori sono diventati più giovani (quasi la metà dei campeggiatori dal 2022 ha meno di 35 anni, rispetto al 30% del 2014). In questi dieci anni inoltre, sono stati segnati dalla forte crescita del numero di famiglie che campeggiano con bambini.

Il pre e il post covid 

Dalla ricerca KOA, il settore dell’ospitalità all’aria aperta è cresciuto costantemente nei primi sei anni, prima che il COVID 19 cambiasse anche la dimensione del turismo open air. Durante la pandemia, il campeggio era una delle poche opzioni disponibili per i viaggiatori negli USA e in Canada, anche per chi era abituato a soggiornare in strutture alberghiere di lusso. 

Anche questa tipologia di clientela ha optato per il compromesso e ha scelto un’esperienza all’aria aperta. Questo ha determinato un’impennata per le strutture Glamping, proposta del turismo open air che offre soggiorni esclusivi e i migliori servizi nella natura. 

Nelle versioni del sondaggio annuale di KOA precedenti alla pandemia da Covid19, questa tipologia di struttura non era inclusa come sottocategoria del report, e non era valutata. Ora è una categoria di spicco tra le strutture ricettive per campeggiatori, con 15,6 milioni di nuovi ingressi negli ultimi cinque anni.

Nel 2023 è emersa anche una nuova tendenza prima poco conosciuta: l’80% dei campeggiatori ha partecipato a “Blended Travel”, ovvero la tendenza di integrare il campeggio con altre forme di viaggio, come soggiorni in hotel o resort, lodge o case vacanza, a testimonianza della versatilità dei viaggi in campeggio nel set di strumenti del viaggiatore. 

Un altro dato interessante che emerge dal report di KOA 2024, soprattutto durante la pandemia, è l’aumento significativo dei camperisti. I camper di proprietà sono notevolmente aumentati così i noleggi, i quali sono più che raddoppiati

© Riproduzione Riservata