Notizie campeggi

Turismo all’aria aperta. Sostenibilità, crescita e prospettive future nel Nordest italiano

In Veneto, l'85% delle strutture all'aria aperta genera un fatturato di 1,3 miliardi di euro, con un impatto significativo sull'indotto grazie alle spese extra alloggio

Le imprese del turismo all’aria aperta nel Nordest italiano stanno vivendo un periodo di crescita importante, scommettendo su accessibilità, sostenibilità e innovazione digitale. I dati presentati a Portogruaro da Faita-Federcamping, durante il convegno “Il turismo all’aria aperta nel Nordest,” hanno messo in luce un settore in evoluzione.

Dati demografici e economici dell’open air

I campeggi e i villaggi turistici tra Veneto e Friuli offrono oltre 250.000 posti letto, rappresentando il secondo settore più rilevante dopo gli alberghi. Occupano 8.500 addetti e generano 22 milioni di presenze, con un incremento costante negli ultimi anni. Il 54% delle strutture, soprattutto lungo la costa e sul Lago di Garda, possono chiamarsi “pioniere” perchè hanno investito in riqualificazione e nuove offerte per target specifici.

Investimenti e innovazione

Le strutture del settore open air del Nordest italiano hanno dimostrato di essere all’avanguardia, offrendo almeno 8 servizi aggiuntivi, gestendone il 50% tramite terzi. La presenza online di camping e villaggi turistici è notevole, con il 62% che dispone di un sito e-commerce e il 76% che è presente su portali specializzati.

Fatturati e impatto economico

In Veneto, l’85% delle strutture all’aria aperta genera un fatturato di 1,3 miliardi di euro, con un impatto significativo sull’indotto grazie alle spese extra alloggio. In Friuli Venezia Giulia, il fatturato totale supera i 75 milioni di euro, con altrettante ricadute positive.

Previsioni e tendenze 2024 di camping e villaggi turistici di Veneto e Friuli

I dati di previsione per il 2024 indicano un settore in crescita, con un aumento medio del 3,4% nell’occupazione media nel Lago di Garda e incrementi significativi nei ricavi medi per unità acquisita. Il Veneto sta emergendo come regione leader nella sostenibilità nel settore del turismo all’aria aperta. Il progetto pilota di Faita-Federcamping ed e-Ambiente mira a sviluppare un marchio ESG tra gli associati, promuovendo pratiche sostenibili e responsabili.

Intelligenza artificiale per il futuro

Camping e villaggi turistici stanno abbracciando l’intelligenza artificiale per ottimizzare le operazioni. Open Air Hub, sviluppato da Faita, Ciset e Jampaa, è un innovativo software di intelligenza artificiale progettato per semplificare la gestione delle informazioni e migliorare l’interazione con gli ospiti.

© Riproduzione Riservata