Notizie campeggi

L’adattamento delle strutture alle esigenze dei visitatori ha “salvato” la stagione open air in Francia

E' uno delle variabili evidenziate dal presidente FNHPA Nicolas Dayot nell'intervista all'Echo Touristique

Il settore del turismo all’aperto in Francia si prepara a chiudere la stagione estiva 2023 con una previsione ottimistica. Secondo Nicolas Dayot, presidente della Federazione nazionale degli hotel all’aperto (FNHPA), le presenze dovrebbero essere leggermente superiori a quelle del 2022, nonostante alcune sfide legate al meteo e alle disparità regionali.

L’andamento turistico varia notevolmente da regione a regione. In luglio e agosto, il maltempo ha influenzato negativamente le prenotazioni nella metà settentrionale del paese, soprattutto a causa della tempesta Patricia. Tuttavia, al Sud, il ritardo accumulato si è ridotto, con la Nuova Aquitania che sta superando l’anno precedente. Le aree in crescita più significativa includono Vandea, Nuova Aquitania e Normandia, mentre le regioni PACA, l’Alvernia-Rodano-Alpi e la parte pirenaica dell’Occitania stanno registrando performance inferiori rispetto al 2022.

Una tendenza interessante è il cambiamento nei tipi di visitatori. Le presenze dei francesi sono in calo di circa il 2% rispetto all’anno precedente, un fenomeno che Nicolas Dayot attribuisce alle tensioni sul potere d’acquisto e a un aumento delle partenze in vacanza tra le famiglie a basso e medio reddito.

Secondo un’indagine di OpinionWay per Atout France, solo il 16% dei francesi che avevano pianificato una vacanza estiva ha scelto la formula campeggio, diventando così la terza opzione di alloggio più popolare dopo gli affitti stagionali e l’alloggio con amici e familiari. Questo risultato è superato solo dagli affitti stagionali (24%) e l’alloggio con amici e familiari (24%), mentre l’hotel rappresenta il 14%.

Un elemento chiave che sta influenzando positivamente il settore è il ritorno degli stranieri, in particolare olandesi, tedeschi, belgi e britannici, che tradizionalmente prediligono il campeggio come forma di alloggio. Questo aumento delle presenze straniere dovrebbe aiutare il settore degli alloggi all’aperto francese a superare il numero di pernottamenti del 2022, secondo la FNHPA.

Le piazzole nude stanno vivendo un periodo di prosperità, a spese delle case mobili e degli altri chalet. Questo successo è attribuibile al ritorno degli stranieri, che tradizionalmente preferiscono questo tipo di alloggio, e alla voglia di economia tra i francesi.

Tuttavia, è importante notare che i campeggi hanno aumentato i loro prezzi nel 2023 del 5% e del 6% rispetto all’anno precedente. Un aumento eccessivo dei prezzi può comportare una diminuzione delle presenze, come sottolinea Nicolas Dayot. Le spese dei clienti rimangono un punto critico, il che si tradurrà in un fatturato inferiore rispetto al 2022. In un contesto di inflazione generalizzata, i vacanzieri sembrano essere più cauti nelle loro spese sulle destinazioni, inclusi ristoranti e attività.

Nonostante le sfide e le disparità regionali, il turismo all’aperto in Francia sembra essere in grado di superare le difficoltà grazie al ritorno degli stranieri e all’adattamento delle strutture alle esigenze dei visitatori. Resta da vedere come questa stagione estiva si svilupperà e come il settore si adatterà alle mutevoli condizioni economiche e climatiche.

© Riproduzione Riservata