Notizie campeggi

Lì dove c’era un ecomostro, nascerà un camping

Accadrà in Calabria. Una nuova struttura da 35 posti farà rinascere un'area sottratta alla 'ndrangheta

E’ stato abbattuto palazzo Mangeruca, l’ecomostro che sorgeva sulla statale 106 nel territorio del Comune di Melissa, in provincia di Crotone. Al suo posto ora nascerà un camping. A darne notizia è stato il sindaco della cittadina Raffaele Falbo. La nuova struttura sarà intitolata a Pitagora. “Bonificata l’area – ha spiegato il sindaco – è nostra intenzione lasciare un ulteriore segno di rottura, soprattutto per le future generazioni, un punto di non ritorno: attraverso una installazione urbana che consegni alla Storia la memoria di questa giornata di libertà, intitolare la nuova area sosta camping che sarà realizzata nell’ambito del progetto finanziato dalla Regione Calabria, a quello che viene ormai considerato il Marcatore Identitario Distintivo (MID) più importante e più universalmente riconosciuto della Calabria che, per usare le parole del Governatore Occhiuto, l’Italia ed il mondo ancora non si aspettano: a Pitagora ed a quella Scuola di Crotone che ha lasciato all’umanità quel Teorema che ogni bambino nel mondo conosce“.

Un finanziamento da 700 mila euro per far rivivere la zona

Come scritto, al posto dell’ecomostro sorgerà un’area camping da 35 posti. Il piano è già stato finanziato con 700 mila euro che investirà la Regione Calabria. “Dopo tantissimi anni – ha continuato il sindaco Falbo – abbiamo messo finalmente la parola fine su uno dei più intollerabili ed inguardabili abusi edilizi lungo gli 800 chilometri di costa della nostra penisola“.

© Riproduzione Riservata