Europa in camping

Normandia, camping, spiagge e cultura

Una vacanza en plein air che è una vera opera d’arte, alla scoperta di luoghi e paesaggi che ispirarono i grandi pittori dell’impressionismo francese

La Normandia è una destinazione bellissima, una vera ispirazione, soprattutto se il soggiorno è all’aria aperta. Campeggiare in questo splendido angolo a nord-ovest della Francia è la soluzione migliore per immergersi nelle sue atmosfere, che sia sul mare o in campagna, la stessa natura che ispirò Monet nella realizzazione dei suoi innumerevoli quadri. 

Non è un caso se questo splendido territorio, insieme all’Ile-de-France, è noto come “la culla dell’impressionismo”. Le fioriture primaverili lo rendono un vero e proprio idillio, mentre in estate, le spiagge diventano un’attrazione irresistibile, con o senza tuffo nelle acque del Canale della Manica: le candide scogliere di roccia calcarea valgono il viaggio, uno spettacolo della natura. 

Mare, tanto verde, ma anche magnifici paesini classificati tra i “Più Bei Villaggi di Francia”, scrigni d’arte dove apprezzare le tradizioni più autentiche come quelle della gastronomia, le ricette della rinomata cucina francese. E poi la storia di un territorio che vide l’avvicendarsi di contese ed imprese, dal tempo dei Vichinghi al D-Day, lo sbarco che cambiò il corso del Novecento. Infine la magia di Mont Saint-Michel, patrimonio UNESCO, che con le maree inscena uno spettacolo davvero unico. 

Photo credit: Mark Lawson | Unsplash

Campeggiare in Normandia

Il campeggio in Normandia è la soluzione ideale per rilassarsi e vivere una vacanza davvero immersiva. Le strutture camping sono numerose, lungo la costa e nell’entroterra, tanto da avere l’imbarazzo della scelta. Troverete una proposta molto varia, dai camping a cinque stelle, ai “Camping Municipal”, soluzioni minimali e molto economiche, dove è necessario pagare solo una piccola tassa. 

È bene ricordare che il campeggio libero non è vietato in Francia, ma bisogna comunque prestare attenzione poiché esistono molte restrizioni. In alcune aree è vietato parcheggiare camper o montare tende tra cui: 

  • riserve naturali;
  • proprietà private;
  • spiagge;
  • strade pubbliche; 
  • entro 500 metri da un’attrazione turistica o un monumento

Il rischio di pernottare in aree non consentite è quello di incorrere in sanzione che possono ammontare a 1.500 euro. 

In ultimo, fate sempre attenzione ai cartelli: se leggete Camping réglementé – s’adresser à la mairie”, “Campeggi regolamentati – contattare il municipio”, contattate l’ufficio competente del comune il quale potrà indicarvi dove sono ubicate le piazzole più vicine adibite al servizio. 

 Photo Credit: Laurent Gence | Unsplash

Normandia, le mete da non perdere

Con i suoi 600 km di costa, la Normandia offre della magnifiche spiagge, tesori naturalistici ma anche importanti luoghi legati alla storia. Una delle località più belle è il tratto di costa che va da Fecampfino a Dieppe, disegnato dalle spettacolari falesie bianche della costa d’Alabastro, scogliere che hanno ispirato tantissimi artisti. Quelle di Étretat sono imperdibili. 

Le spiagge della Normandia sono note per essere anche paesaggi della memoria: il tratto compreso tra Cherbourg e Le Havre fu teatro del D-day, una delle più importanti operazioni militari del ‘900. Qui il 6 giugno 1944 avvenne lo sbarco in Normandia, quando gli alleati britannici e americani diedero vita all’offensiva per liberare la Francia dall’occupazione nazista. 

Non ha bisogno di molte presentazioni l’Abbazia di Mont Saint Michel, uno dei siti più belli ed importanti di Francia, patrimonio mondiale dell’UNESCO. Basta uno sguardo per capirne il motivo: appare come un miraggio, appollaiata su un’isoletta, soprattutto quando la marea è ancora alta e le sue fattezze che si inerpicano verso il cielo si specchiano sulle acque del mare. Un paesaggio da favola che cambia continuamente grazie alle maree, e a seconda dell’ora è possibile raggiungere il sito anche a piedi. Visitate l’abbazia e poi perdetevi nel piccolo centro ai suoi piedi, intrecciato da stradine labirintiche dall’incredibile fascino.

Photo credit: Xavier Foucrier | Unsplash

Merita una tappa anche la cittadina storica di Rouen, bellissimo centro medievale che spunta lungo il corso della Senna. Considerata un museo a cielo aperto grazie al centro medievale perfettamente conservato in cui spuntano le tradizionali casette a graticcio, e troneggiato dall’imponente Cattedrale di Notre Dame. Monumento simbolo della Ville è l’orologio astronomico Gros-Horloge, risalente al lontano 1389, uno dei più antichi meccanismi marcatempo d’Europa. 

Photo credit: Gautier Salles | Unsplash

Infine, non perdete l’occasione di visitare uno dei luoghi più affascinati della “culla dell’impressionismo”, la Casa di Monet a Giverny. Qui arte e natura si incontrano in un’atmosfera indescrivibile, un genius loci capace di raccontare la vita del pittore: tra queste mura immerse nel verde, dove spunta anche un magnifico giardino acquatico di ispirazione giapponese, Claude Monet rimase fino alla sua morte nel 1947. La bellezza della natura ispirò la sua ricerca e diede vita alla sua arte, un angolo di Normandia che deve tanto alla cultura.

Photo Credit: Baptiste RIFFARD | Unsplah

© Riproduzione Riservata